23/03/17

POPSUGAR 2017 Reading Challenge | Primo aggiornamento!

Buon pomeriggio a tutti!
Ecco a voi il primo aggiornamento sulla Reading Challenge 2017. 

Qui il link del post in cui ne parlavo e qui il link alla challenge originale.


1) Beautiful You; di Chuck Palahniuk
Un libro scritto da qualcuno che ammiri



Beh, doveva essere per forza un libro di Palahniuk. O di Stephen King. In questo caso è stato di Palahniuk, perché ce l'avevo già pronto. Loro due mi hanno influenzata più di tutti, nel modo di scrivere, e hanno cambiato la mia percezione di cosa un romanzo possa essere. Li amo per questo. Non solo, ma anche per questo.


2) Wonder; di R.J. Palacio
Un libro che diventerà un film nel 2017



A quanto pare! Ce l'avevo in wishlist da un pochino, ho scoperto che uscirà un film con Owen Wilson (ugh) e Julia Roberts (mmh) e quindi l'ho preso. Francamente non vedo l'ora di vedere come abbiano adattato questo piccolo gioiello, anche perché voglio portare le mie amiche a vederlo al cinema e farle piangere con me, ma ho anche paura che lo rovinino, come fanno spesso. 


3) Le terre dei dormienti; di Laura Taibi
Un libro pubblicato nel 2017



Questo libro è stato pubblicato mi pare a Gennaio, quindi ci rientra per un pelo. Tramite la sua lettura sono stata in grado di conoscere Laura Taibi, l'autrice, cosa che mi farà sempre ricordare questo libro con affetto. 


4) La biblioteca dei morti; di Glenn Cooper
Un libro ambientato in due tempi diversi



Non solo in due tempi diversi, diciamo in due e mezzo - la narrazione è divisa tra il 2009, una chiesa ai tempi del medioevo e qualche breve episodio tra Churchill e Kennedy - però vabbè, non siamo troppo fiscali, sennò ci si rompe subito.


5) Novembre; di Teresa Verde e Massimiliano Mistri
Un libro con un mese o un giorno della settimana nel titolo



Quando ho letto questo punto della challenge ho saputo subito quale sarebbe stato il romanzo per cui l'avrei usato. Tra l'altro Novembre è il mese in cui sono nata, quindi tutto ciò è molto bello ed emozionante, yaay.


6) Se nasce femmina la chiamo Belèn; di Molte Persone
Un libro con più autori



Paradossalmente, per questo punto avrei potuto usare anche "Novembre", visto che anche quello è un libro con più autori. Ma questo è un libro con ancora più autori!


7) Cambion; di Veronica Riga
Un libro ambientato in un hotel



Anche qui, è ambientato in un hotel, ma non per tutto tutto il tempo. Abbastanza però per dire che l'hotel è una delle sue ambientazioni principali. Quasi tutta la prima metà del romanzo, per dire! 


8) The Boy Band; di Goldy Moldavsky
Un libro ambientato durante una festività che non sia il Natale



Paradossalmente (parte due) anche questo libro sarebbe stato perfetto per il punto sopra - anzi, anche di più, visto che è interamente ambientato in un hotel - ma gli eventi accadono durante il Ringraziamento, festività diversa dal Natale, quindi non potevo lasciarmelo scappare. E poi altrimenti non so se avrei saputo dove mettere Cambion.


9) In dispensa, bile; di Meri Nigro
Un libro che hai nella TBR da troppo tempo



Questo libro volevo comprarmelo da un sacco di tempo. Sapete bene che spesso bazzico sul sito di Edizioni La Gru, sbavando sui loro volumi, e questo è sempre stato uno di quelli che mi hanno attirata di più.


10) L'amico immaginario; di Matthew Dicks
Un libro che parla di una persona con una disabilità



Il protagonista di questo libro soffre di autismo, va bene come disabilità? Cioè, il vero protagonista è l'amico immaginario, quindi non è proprio il protagonista ad essere autistico, ma il... co-protagonista. Anche se questo non c'entra. Beh, non lo so, ma credo che un po' conti: è comunque una cosa che intralcia la vita di tutti i giorni. Anche la depressione o un disordine alimentare potrebbero essere visti come disabilità di qualche tipo, volendo. Vabbè, non cominciamo a diventare politici, che sennò qui è la fine. 


11) Wishful Drinking; di Carrie Fisher
Un libro su una donna interessante



Carrie. La mia Carrie. La mia bellissima, favolosa Carrie. Se non era una donna interessante lei, non lo era nessuna. Figlia di Hollywood, di una madre super eccentrica e di un padre super invisibile, problemi di droghe e alcolismo fin da giovanissima, disturbo bipolare di personalità, una vita costretta a sorbirsi il suo status quo di bambolina in bikini spogliata non solo dei propri vestiti, ma anche dei diritti sulla sua immagine.
"Voglio che sia detto che sono affogata nella luce lunare, strangolata dal mio reggiseno."




Ed ecco qui tutti i libri letti dall'inizio di quest'anno. Il motivo principale per cui ho accettato questa sfida è che quest'anno volevo impegnarmi a leggere di più, in modo da finire anche la pila di libri in TBR e poterne finalmente acquistare di nuovi senza sentirmi in colpa. E per ora sembra funzionare! Ecco a voi il bello di essere un'incorreggibile Serpeverde: datemi una sfida e devo riuscire, non ci sono cazzi che tengano. Vale per il NaNoWriMo - il Camp di Aprile comincia tra poco, AAAAAAAARGH - e vale lo stesso per le reading challenge.
In media, in questi primi ottantuno giorni del 2017, sono riuscita a leggere un libro ogni 7.3 giorni, che non è per niente male. Mi mancano ventinove giorni per vincere la challenge originale, quarantuno se decido di fare anche quella "avanzata" - ma non credo, o comunque non ne sono sicura. Questo significa che, mancando duecentottantaquattro giorni alla fine del 2017, dovrei leggere un libro ogni dieci giorni per vincere la challenge normale e un libro ogni sette per vincere quella avanzata. Direi che per ora le probabilità sono in mio favore! Anche se dovrei tenere conto della sessione di esami estiva... ugh, ho appena sentito un brivido gelido.

1 commento:

  1. Carina questa reading challenge. Alcuni dei punti sono davvero tosti, ad esempio un libro ambientato in un hotel... a me viene in mente solo Shining @_@

    RispondiElimina